domenica 29 settembre 2013

A COSA SERVONO LE MARMELLATE??? :-)



Ad essere mangiate, gustate, godute? Si, certo anche questo ma lo scopo principale delle marmellate è , possiamo dire, più elevato e altamente terapeutico: aumentano la nostra autostima.

La prima marmellata della mia vita risale a qualche decennio fa (sono volutamente vaga anche se mi ricordo esattamente dove, come e quando…ma non siamo qui a far precisi conti matematici,no?)

Anyway, dicevo la mia prima marmellata è stata quella di fichi , che adoro e che mi aveva regalato una sorpesa inaspettata : favolosi vasetti colmi di una delizia pura! Incredibile ,proprio io,  avevo fatto una marmellata!

Il cesto colmo di frutta che andava lavata, pulita, tagliata, cotta, si era trasformata …lo zucchero era stato il catalizzatore che aveva permesso questa alchimia .

Non mi sembrava vero che con pochi gesti, pochi ingredienti e solo  un po’ di pazienza avevo preparato una marmellata !

E da donna con l’autostima sempre sotto ai piedi, risalivo un po’ la china della considerazione personale , sentendomi gratificata da questa preparazione “storica”, che sa di tempi andati e che mi faceva ( e fa ) sentire sempre “brava” nel prepararla in casa invece che acquistarla al super…

Da allora sono diventata dipendente dal far marmellate e nel corso degli anni ne ho provate tante :  ho avuto, come succede nella vita, innamoramenti folli , delusioni devastanti …ho ripetuto come una paranoica  la marmellata di melone  che mi aveva assolutamente soggiogata , e ho buttato via con rabbia da donna tradita, chili di  marmellata di pomodori verdi  più volte provata e mai riuscita come volevo. Nonostante tutto ciò, fare la marmellata per me, è sempre stato terapeutico e ,a parte qualche “disfatta”,devo ammettere che i risultati mi hanno sempre soddisfatta e la mia autostima ringraziava felice !

Quanto guardare con infinito amore i vasetti sistemati a dovere nella dispensa!! E pensare : li ho fatti io!

Etichette studiate ad hoc, nastrini di rafia o gros grain rendono questi vasetti dei piccoli oggetti eleganti e personali che racchiudono in sé dolci preparazioni “fait maison” che li rendono ancor più speciali.

Piacere duplice , triplice : sono naturali, sono ecologiche perché spesso si usa la frutta che altrimenti marcirebbe , o peggio, verrebbe gettata. Io amo la marmellata con poco zucchero , quella che puoi mangiare a cucchiaiate direttamente dal vasetto , possibilmente ad occhi chiusi …perché solo così diventano più nitidi i ricordi della frutta : senti il profumo dell’aria tiepida densa , “vedi” i colori dei frutti, il verde dei campi, senti il vociare dei bambini che giocano all’aria aperta, i raggi del sole tiepido ti sfiorano …apri gli occhi e…dal tuo balcone vedi le gocce di pioggia che inesorabili scendono, l’aria è umida e freddina, la luce è fioca e ovattata.
 
 

 

Pur amando queste atmosfere autunnali,  questa marmellata mi ha regalato un attimo di estate, mi ha ricordato il giorno in cui l’avevo preparata e cosa avevo pensato mettendola nei vasi : chissà quando la mangerò dove sarò, con chi sarò, che tempo farà,…

L’ho mangiata oggi durante un’umida domenica di pioggia, l’ho mangiata con mia figlia e in sua compagnia ho fatto anche un pain brioche che ho farcito proprio con questa marnellata di amarene.
Una piccola briochette (la ricetta prossimamente ) perfetta per una merenda in casa a guardar le gocce di pioggia sui vetri…
 




 
 
 
Marmellata di amarene

Da una ricetta di Christine Ferber – “Mes Confitures”

Ingredienti:
1,250 kg di amarene (1 kg netto)
800 gr di zucchero (io ne ho messi 600 gr)
Il succo di un limone piccolo
200 gr di gelatina di mele verdi (così recita la ricetta ma io ho utilizzato la pectina …dosandola come le istruzioni sulla busta)

 
Lavare le amarene e sciugarle bene. Denocciolarle e dividerle in due .mescolarle in una terrina con lo zucchero e il succo del limone. Dopo un’ora , mettere in una pentola e portare lentamente ad ebollizione. Spegnere il fuoco, mettere in una terrina e lasciar riposare una notte.

L’indomani filtrare il tutto,tenendo da parte la parte “solida” (le amarene un po’ disfatte)

Alla parte liquida aggiungete la pectina e portate ad ebollizione. Schiumate bene (togliete cioè quella sorta di schiuma bianca che si forma in cottura) , aggiungete le amarene e portate nuovamente ad ebollizione e mantenete la cottura a fuoco vivo per cinque minuti continuando a mescolare delicatamente. Schiumate ancora , se necessario , controllate la consistenza (facendo scorrere una goccia di marmellata su un piattino se scende a fatica , è pronta …)
Invasate fino all’orlo , chiudete bene i vasi (precedentemente sterilizzati) quindi metteteli a testa in giù fino a quando non saranno freddi (per fare il sottovuoto).

Una volta ben raffreddati, potete mettere le etichette , nastri e nastrini alla vostra marmellata oppure…potete mangiarla subito ma tenetene sempre un vasetto per i mesi freddi in cui sarà sufficiente una sola cucchiata per tornare indietro nel tempo e sentire i profumi dell’estate .

 





23 commenti:

  1. Non posso che darti ragione, è sempre una soddisfazione fare la marmellata e vedere tutti quei barattolini pieni di golosità :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre bello condividere con chi ti capisce !!!! Grazie per la visita e il commento ! A presto

      Elimina
  2. ...e vogliamo parlare del gratificante e sonoro "plop"che fa il coperchio del vasetto quando va sottovuoto? ...e vogliamo parlare della fortuna di avere una bloggamica con delle doti da raffinata ed elegante illustratrice che ti regala i suoi bellissimi disegni per decorare i tuoi vasetti?...e vogliamo parlare dei 20 kg di fichi che ho marmellato oggi?...no, ti prego...di quelli non parliamo che ho un po' di nausea....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e vogliamo parlare della troppa distanza che ci divide e non ci permette di far marmellate insieme ??? Un abbraccio

      Elimina
  3. Quello che penso e quello che provo ma che non so' dire...
    .. grazie!



    G.


    p.s. io questa ricetta l'ho fatta per le fragole più di un anno fa', divina... l'ultimo vasetto finito ieri :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io quando trovo persone a me affini sono ancor più contenta !!! Immagino il profumo della tua marmellata...altro che Maddalena di proust !!!:-)

      Elimina
  4. per me le marmellate sono fondamentali, mi servono per la colazione. avevo deciso di perseguire l'auto-sussistenza. mi ci vuole circa un barattolo di marmellata a settimana, quindi non era poco. per un paio di anni ci ero pure riuscita.
    adesso ho esaurito le scorte, e mi è toccato di tornare a quelle industriali che, per quanto buone siano, non hanno niente di paragonabile con quelle di casa.
    la marmellata fatta in casa è una cosa dalla quale si torna indietro davvero con difficoltà. quella di amarene è buonissima, ti invidio molto.
    la briochette mi ricorda quella con il dulce de leche della khoo, che se non ricordo male avevi fatto proprio tu. mi sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch io come te cara gaia!!! Se posso le faccio ma non sempre il tempo ti è amico !!! Bravissima : la briochette è proprio quella della Rachel ma la ricetta è un' altra ...ho sperimentato quella raccontata dal sacchetto di farina francese ;-) che mi ha regalato un' amica !!! Ti abbraccio

      Elimina
  5. Hai ragione, e vogliamo mettere la bontà rispetto a quelle comprate???
    La marmellata di amarene la adoro, peccato non trovarle...ma salvo per tempi migliori ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É proprio così ma come dicevo alla gaia non sempre il tempo ci aiuta e quindi spesso me la devo comprare ...ma così quando mangio le mie hanno un sapore ancora più delizioso !!!! :-) ti abbraccio

      Elimina
  6. Posso dire che è molto poetico questo post???? E io la marmellata la faccio per poterla gustare seduta, da sola in cucina e direttamente a cucchiaiate dal vasetto, è un gesto quasi peccaminoso che faccio solo se sono da sola, come se dovessi nascondermi per non so che cosa :-) Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma grazie cara ely!!!! ah ah ah...hai ragione è un gesto peccaminosissomo!! :-) e se questi sono i nostripeccati, ben vengano!

      Elimina
  7. Anche noi ormai non possiamo non farle. Di quella di fichi ne abbiamo anche parlato a Bra. E anche gli amici ormai aspettano il loro vasetto :-)
    Di amarene deve essere una goduria, ecco a cosa servono a concedersi un momento di pura goduria.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io voto però al primo posto quella fichi...forse perchè è la prima che ho fatto, non so...ma quella mi fa proprio impazzire!!!

      Elimina
  8. Non ci credo che sei una donna dall'autostima sotto i piedi! Le marmellate sono un vero comfort food...ho messo nella mia wish list: trovare le amarene e fare la marmellata come laroby.
    A rileggerci presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carissima fabi io ho da nel dna l'autostima sotto ai piedi!!! credimi!!! :-) che bello che sono nella tua wish list. grazie è un onore!!! a presto, ti abbraccio

      Elimina
  9. a cosa servono?!
    A gratificarci, sia nel farle che nel gustarle, pian piano, con soddisfazione....
    a me personalmente piace più farle che mangiarle...e amo regalarle!
    Un bacione amica mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me piace farle, regalarle e...mangiarle soprattutto!!! perchè quelle che fai tu hanno un altro sapore ...ti abbraccio cara simo

      Elimina
  10. Grande post, devo provare!
    La cucina è anche la mia passione nei tuoi articoli si può anche vedere! Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!!! è unapassione terapeutica e bellissima da condividere! a presto!

      Elimina
  11. Come ti capisco, quanto è vero ciò che dici... ho fatto qualche settimana fa la mia prima marmellata, saltello ancora di gioia... è finita tutta, adesso ne è in cottura un'altra con l'uva fragola, sarà difficile fermarmi... :-) L'ho sempre sognato, pensavo fosse una ricetta complicata e invece...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uva fragola??? favolosa!!!
      a presto cara

      Elimina
  12. wow!!! ha un aspetto invitante davvero irresistibile, felice di averti incrociata oggi se ti va vienimi a trovare ciao rosa
    kreattiva

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...