domenica 2 dicembre 2012

CORSO DI CUCINA ...TUTTO IN UNA SERA (PER ORA..) :-)

 
 
E finalmente anch’io ho trovato tempo per farmi un bel corso di cucina!! Bè, corso è una parola grossa, per ora è stata una serata ma ce ne saranno di sicuro altre!

Come quasi sempre succede nella vita, le cose belle ti capitano per caso, e così è stato anche per la mia prima lezione di cucina tenuta da una vera chef!

Paola Naggi è la chef di un noto e ottimo ristorante della mia zona, il ristorante di chiama Impero , si trova  a Sizzano e ve lo consiglio di cuore : non c’è nessuna pubblicità dovuta in queste mie parole, vi dico questo come lo direi ad un amico, certa di consigliarlo per il meglio.

 

E’ stato dopo una cena all’ “Impero”che , non so perché, mi è venuto di domandare se, per caso, organizzassero dei corsi di cucina e dopo aver ricevuto risposta affermativa il mio pensiero è stato: a costo di arrivare strisciando dopo una prosciugante giornata di lavoro, farò questo corso!

È così è stato : ho  frequentato la mia prima serata con lo chef insieme ad un gruppo eterogeneo e simpatico di compagni di…scuola!

Estrema cura nella materia prima, amore per la cucina, passione vera  ed una generosità unica fanno della Paola una persona gradevolissima, simpatica ma  soprattutto esperta e professionale.

Vi parlo di questo corso senza propinarvi ricette con  dosiEmetodi (che comunque non ho provato ma ho visto realizzare) , ma piuttosto vi voglio raccontare di questa mia felice esperienza senza privarvi delle immagini dei piatti che meritano!

La prima emozione grande è stata quella di entrare in una vera cucina da ristorante .
 
 
Già solo vedere il piano di cottura : grande, super “proffescional” J , non capivo più niente! Poi ecco il forno : mitico!  Questo proprio lo vorrei : lo userei ogni giorno!dovrei fare un corso ad hoc per imparare  le mille e più funzioni di questo “oggetto del desiderio”,  ma mi è bastato veder scaldare, cuocere, rosolare in modo perfetto ogni piatto introdotto per..innamorarmene !

Ma il fascino più grande è stata lei, la chef :  la sua  dimestichezza nel trattare gli alimenti, combinarli, gestirli, sincronizzando le cotture, i tempi di lievitazione , riscaldamento o raffreddamento, mescolando , montando con la frusta, tagliando, affettando… e tutto raccontando le ricette , passo passo, mai avara di consigli, arricchendo con aneddoti simpatici il tutto.

E che dire della composizione dei piatti? Impiattando in  modo semplice e veloce ecco creare delle piccole opere d’arte .

È sufficiente una banale tazzina da caffè per rendere originale l’entrè:
Densa  di zafferano con fettina croccante
 
 

 
Un’alternativa alle solite crepes? Farle con la farina di  mais, ma speciale! Quella utilizzata arriva da Rimella ed ha una grana grossolana e caratteristica. Impossibile trovarla se non lì.
Il ripieno? Semplici erbette . Il caldo tocco è dato da una fonduta di toma…davvero poco light ma …"scaldacuore" di sicuro!!!
Girella di farina di polenta con farcitura di erbette e fonduta alla toma

 

Tra le tante cose che ho imparato ,una su tutte ,che proprio non sapevo : la cottura al forno con la pellicola ! ero convinta che non potesse andare in forno e invece ,fino a 200° si può.

Quindi ecco cuocere le ricottine in cocotte rivestite di pellicola per meglio sformarle e ,ancora, i petti di faraona ripieni sono stati “sigillati” sempre con la pellicola cuocendo in modo perfetto riuscendo persino a dorarsi leggermente in superficie !

Ricottina calda con uovo di quaglia e crema
Piatto semplicemente poetico

 

Petti di faraona farciti con pinoli e uvetta all'aroma di arancia con finocchi e uvetta di accompagnamento
Abbinata vincente che stimola la creatività: perché non sostituire l’uvetta con le castagne e il letto di finocchi con riduzione di arancia con patate e castagne in brunoise???
 
 

e visto che tra poco sarà natale , ecco l’originale proposta della mitica Paola:
Sformatino di panettone e cioccolato bianco con salsa di vaniglia e frutta fresca
 


L'ho trovato ottimo e da amante di dolci quale sono, lo attendevo con ansia…Ho deciso che quest’anno sarà il mio dolce per il pranzo di natale : accompagnato magari alla classica crema al mascarpone per non scombinare troppo la tradizione . Già temo le facce degli amanti del panettone classico quando vedranno i miei panettoncini, serviti tiepidi con tanto di decorazione di frutta beneaugurate : ho intenzione di utilizzare solo il melograno per non confonderli troppo!!! J

La serata si è  conclusa con l’assaggio dei piatti,  serviti e riveriti, ed è proprio il caso di dirlo, nella sala del ristorante ;  il tutto accompagnato a  ottimo vino delle colline locali.
Quindi un piacere doppio: assistere dal vivo alla preparazione dei piatti e assaggiarli in un contesto elegante e chic !

La stanchezza della giornata è svanita nel momento in cui ho messo il piede al ristorante, dimenticate le ansie da ufficio e …annessiEconnessi.
Persino il viaggio di ritorno verso casa l’ho vissuto come un momento “catartico” :  fantastica libertà solitaria della quale ho bisogno per sopravvivere J
Nel silenzio completo della mia macchina (assolutamente radio spenta!) sorridevo da sola goduta per  questa serata “alone” arricchita da questa nuova esperienza.
Nella mia wish list natalizia (a dire il vero già abbastanza lunghetta …) ho messo anche :  “oboli” per corsi di cucina J eh, si perchè voglio partecipare a più lezioni possibili…dopotutto mi sono indispensabili per…esigenze di blog, no??? J

 








 

 

9 commenti:

  1. DAVVERO SI Può CUOCERE CON LA PELLICOLA???? OMG, mi si è aperto un mondo!
    Che belli i corsi di cucina di questo genere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me cara sefania!!non ho ancora sperimentato ma lo farò presto! ti abbraccio

      Elimina
  2. C'è sempre una prima volta e questo è stato davvero un "signor battesimo"!
    Dal tuo entusiasmo ti immagino già pronta per la prossima lezione:)))
    Certo che si può cuocere con la pellicola, noi ad esempio ci cuociamo le caramelle di pollo, 10 minuti in acqua bollente, spalmate di burro maitre d'hotel e poi ben fasciate....il top della morbidezza e semplicità!
    Si "scaramella" direttamente in tavola!

    Un saluto,

    Fabi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara fabiana segno subito le tue caramelle di pollo! assolutamente da fare!!! grazie per la dritta! un grande abbraccio

      Elimina
  3. ciaooo abbiamo trovato il tuo blog molto interessante per questo ti abbiamo votato per un premio vieni da noi a ritirarlo ^_^ http://haruyapp.blogspot.it ciaooooo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie ragazze!!! purtroppo mi perdo in queste cose ... link e via dicendo...:-) comunque vi ringrazio tantissimo! a presto

      Elimina
  4. ogni tanto queste belle esperienze ci servono per riscaldarci il cuore e lo spirito!
    Noi non dovevamo incontrarci...io aspetto sempre nè?!
    Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione cara simo e tu non sai quante volte penso di fissare un appuntamento con te :-) per fare spese pazze dove ben sai !!! ci spero sempre...tempo permettendo! ti abbraccio fortissimamente forte !!!

      Elimina
  5. che bell'esperienza! dev'essere davvero bello fare un corso di cucina, anche a me piacerebbe tanto * . *

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...