giovedì 10 febbraio 2011

PSEUDO LASAGNE AL PESTO PER UNA PETITE REINE




È così difficile arrivare a casa dopo una giornata di lavoro pesantuccia (eufemismo!) e mettersi a cucinare qualcosa di originale, lievemente speciale e, perché no,dal sapore confortevole e rassicurante? Risposta : no se esiste un motivo per farlo.
Il mio? Bè, oggi primo esame universitario di Marie Antoinette, del quale non sappiamo ancora esito ma la regina,come sempre, è delusa, pessimista, insomma abbastanza in crisi.
Non rimane che tirarci su il morale con una cenetta sfiziosa nella quale raccontare e raccontarsi per trovare un angolo di pace dove rilassarsi…prima si parte dalle cose serie : l’università, gli argomenti dell’esame, considerazioni varie, il lavoro, i lacchè, le situazioni vergognose che ti fanno sentire un extraterrestre rispetto ai tuoi colleghi così diversi per atteggiamenti e morale, poi si passa a raccontarci “dei nonni”, che sarebbero i miei genitori, coppia simpatica modello sandra&raimondo che sono un’autentica macchietta , poi si passa al colore di smalto comprato, a quanto è bello il nostro gatto, a pettegolezzi ridicoli sui quali ci concentriamo più del solito visto gli ultimi eventi intorno a noi…
E nel frattempo si mangia , un piatto carino preparato in un momento…
Lasagne al pesto ma super velox…
Ho preso le lasagne fresche e ho diviso 2 rettangoli in 8 pezzi, che ho fatto bollire in acqua salata.
Avevo congelato del pesto che ho messo nel microonde e l’ho riportato alla temperatura ideale e una volta pronto ho aggiunto un cucchiaio o due di acqua della cottura delle lasagne in modo da renderlo più cremoso.
Ho poi scolato (dopo 3 minuti) i pezzi di lasagna e li ho “composti” nei piatti : uno strato di lasagna, un cucchiaio di pesto, un’altra lasagna e ancora il pesto fino al termine degli ingredienti.
Risultato : una sorta di lasagne o mega pappardelle al pesto ma presentate in modo diverso. Solo un’immagine nuova per avere il gusto sicuro di una pasta al pesto, buona nella sua semplicità.
Marie Antoinette è rimasta soddisfatta di questo piatto che , con un po’ di scena,ha reso la nostra cenetta glam !
Certo non è una ricetta da chef e , come sempre, con impensato coraggio la pubblico pur nella sua banalità : è un piatto che non stupisce , che non ha ingredienti particolari ma ha saputo ugualmente ravvivare una serata casalinga.
Appago il mio gusto per il bello e per le ricette “serie” che vorrei fare, navigando tra i miei blog preferiti, segno tutto, annoto primi piatti, secondi, dolci che prima o poi farò (forse) …
Per ora è il tempo che mi manca! Questo è il vero lusso che in questo momento, per mille motivi, non posso permettermi quindi perfetta la cena velox nella quale esprimo una piccola parte di me adattandola al mio “spazio/tempo” risicato ma intenso.
Momenti preziosi condivisi addirittura con una regina, la mia regina che a volte abbandona il suo trono e con sincero divertimento si lascia andare senza perdere però il tocco regale che è insito in lei E mentre la distaccata regina con passo giustamente regale (nonostante gli pseudo stivali di montone tanto di moda) si allontana e si ritira nei suoi appartamenti io decido di “immortalare” in questo post, con la scusa di questa “non ricetta”, la serata che ci ha rese più leggere dai pensieri …

8 commenti:

  1. molto, molto glam!! mi piace assai questa lasagna "destrutturata"...

    ps: allora non siamo solo io e mia figlia a dirci quanto sono belli i nostri gatti... mi consolo ;-)

    RispondiElimina
  2. Ti vorrei invitare al mio primo contest MANI NELLA MANITOBA, una raccolta di ricette con la farina manitoba...
    http://dolciedesserts.blogspot.com/2011/01/primo-contest-mani-nella-manitoba.html
    se ti va passa a dare un'occhiata... ti aspetto...

    RispondiElimina
  3. Quanta dolcezza c'è in questo post, una dolcezza che prende la forma di una lasagna al pesto, pretesto per coccolare una Regina preoccupata per i risultati delle sue fatiche. E la Regina Madre, pur oberata di impegni perché Noblesse Oblige, si ritaglia il tempo per prepararle una cena coccolosa e per distrarla con la levità di chiacchiere tutte femminili, che tanto bene fanno al cuore.

    Mitika Roby, Marie Antoinette non potrebbe avere una madre migliore!

    RispondiElimina
  4. Condivido ovni parola di Mapi, non potrei averlo detto meglio!
    Spero tu stia meglio:)
    Ho fatto , come hai visto, la vellutata di topinambur e cioccolata di quel nostro amato libro e t'ho pensata perché ne avevamo parlato in passato. Ogni ricetta di quel libro è perfetta, innovativa e deliziosa, quando avrai tempo buttati con fiducia:) ti abbraccio forte mia Cara, a presto:))

    RispondiElimina
  5. Ciao io sono Laura...
    Nel prossimo post in cui raccoglierò link di blog di cucina metterò anche un link a questo :D
    Laura http://chebirba.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. lasagna splendida, ma splendida sei tu, he con una lasagna e un cucchiaio di pesto hai creato un momento meraviglioso con tua figlia! un bacio Ely

    RispondiElimina
  7. Mi sa che potremmo fare un quartetto noi, tu con la tua regina e io col mio piccolo despota... anche perché la pasta (qualsiasi sia il formato) al pesto è il nostro piatto preferito, per il resto c'è tempo!

    RispondiElimina
  8. Con un pò di fantasia e poco tempo hai creato un piattino delizioso, e un post che chi lo ha letto è rimasto affascinato, ti faccio i miei complimenti...Malù

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...